Regole all'inizio dell'anno scolastico

Updated: Sep 23, 2020

All'inizio dell'anno scolastico, è importante creare un ambiente di apprendimento in cui tutti gli studenti possano sentirsi a loro agio, gratificati, felici e quindi dove possano davvero respirare "benessere" fisico ed emotivo.

Una componente essenziale per l'apprendimento in palestra sono le regole per una sana e civile convivenza e soprattutto per preservare le norme di sicurezza.

Per stabilire queste regole, avvio sempre una discussione con gli studenti, soprattutto quelli del primo anno, ma anche in seconda e terza media è necessario ribadirlo.

Iniziamo un breve brain storming sulle regole: "cosa sono? a cosa servono? se non ci fossero le regole cosa succederebbe?"

Pongo a loro dei quesiti anche più semplici: "quali regole ci sono nel calcio, nella pallavolo ecc. Ci sono delle regole per strada? Chi fa rispettare le regole in questi frangenti?"

In modo che capiscano che tutta la società ruota attorno a regole e norme che devono essere rispettate per favorire la libertà di ognuno.


Entrando in queste discussioni, replico con alcune risposte che servono a mediare la discussione, attraverso slide e immagini che siano rappresentative.


Il primo concetto che cerco di far emergere è che le regole dovrebbero essere generali e coprire molte aree.

Le regole non devono essere tante: tre o cinque regole sono tutto ciò che mi piace avere in classe e penso che se diamo troppe regole, gli studenti diventano meno rispettosi.

Le regole per essere condivise e rispettate devono essere concise,chiare, formulate in senso positivo ed esprimere aspettative.

Quindi penso che i primi giorni di scuola sia importante affrontare questo argomento con gli studenti: dedicare un paio di ore alla discussione e alla realizzazione di cartelloni o prodotti grafici che evidenzino il risultato del dibattito, con il contributo di tutti gli alunni.


Un lavoro che abbiamo realizzato con i miei studenti in una classe prima della scuola secondaria di primo grado attraverso la metodologia della "MAPPA NEL MEZZO' è quello che vi propongo di seguito.

La classe è stata suddivisa in gruppi da 4 alunni,con i banchi disposti a isola, ogni gruppo aveva un foglio A4 al centro del foglio vi era la parola "RISPETTO".

Il compito del gruppo era quello di realizzare un dibattito sulle regole e il rispetto e scrivere tutto ciò che emergeva dalla discussione sul foglio.




Il lavoro in piccoli gruppi è molto utile per favorire la partecipazione dei ragazzi più timidi e la socializzazione iniziale soprattutto in prima quando ancora i ragazzi non si conoscono molto bene.

Al termine del dibattito ogni gruppo con un referente ha esposto alla classe le proprie idee e riflessioni.

Quindi abbiamo cercato delle regole comuni e abbiamo realizzato con power point un cartellone da appendere in palestra, con le regole definite dal gruppo classe abbinate ad immagini esplicative.


Con queste regole chiare e generali posso sempre trovare un accordo con i ragazzi, infatti quando un alunno calcia lontano la palla di un compagno non sta rispettando il suo amico e quindi stai infrangendo una regola.

Quando l'alunno si appende alla porta da calcio o sale sulla spalliera senza che sia stato richiesto dall'insegnante, infrange il rispetto della sicurezza personale.

Quando un alunno calcia una palla da pallavolo sta trattando male il materiale sportivo e quindi non rispetti le attrezzature.


Si potrebbero ridurre le regole anche a queste due frasi: rispetta te stesso e gli altri; perché a queste due regole si riconducono tante delle problematiche che accadono in palestra durante le ore di educazione fisica.

E voi quali regole fate adottare ai vostri studenti in palestra? Le decidete insieme a loro o avete un decalogo prestabilito?


Recent Posts

See All

Prof. Jessica Rivi 

Castellarano Re 

42014 

educazionefisicapertutti@gmail.com

  • Instagram

Iscriviti alla nostra mailing list