top of page

Suggerimenti per gli esonerati dalla pratica di Educazione fisica



Quante volte ti capita di dover giustificare gli alunni che non possono svolgere praticamente le lezioni di educazione fisica?

E' importantissimo coinvolgerli e responsabilizzarli con compiti prefissati e organizzati all'interno della routine della lezione.



Sono diversi i ruoli che gli studenti possono svolgere:


  1. Coach: aiuta qualcuno a fare pratica con le proprie abilità

  2. Cronometrista: tiene traccia dei tempi dell'attività e della fine della lezione

  3. Giornalista: scrivi ciò che è stato spiegato o svolte durante la lezione

  4. Reporter: interagisce con i compagni per indagare su feedback della lezione

  5. Incoraggiamento: segue i compagni nello svolgimento degli esercizi e manda un feedback positivo

  6. Responsabile dell'attrezzatura: ripone i materiali utilizzati in ordine

  7. Responsabile della Sicurezza: vai in giro e ricorda agli altri le regole

  8. Arbitro: giudica un gioco o un'attività

  9. Segretario: riporta misure e valori sulle griglie dei test motori

  10. Videomaker: riprende esercizi e condivide su classroom ai compagni fornendo feedback positivi


La normativa di riferimento in merito agli esoneri dalle lezioni di educazione fisica è la circolare ministeriale 17 luglio 1987, n. 216, prot. n. 1771/A, ovvero l’ex art. 3 Legge 7 febbraio 1958, n. 88 definiscono che possono avvalersi di questo speciale esonero solamente gli alunni che, a causa delle proprie condizioni fisiche e psicofisiche, «non siano in grado di sottoporsi totalmente o parzialmente, in via transitoria o permanente, a determinate prestazioni motorie o a particolari carichi di lavoro».

Le lezioni di scienze motorie comportano sia un componente di attività pratica sia un componente di attività teorica (art. 1 L. 88/1958).

Le studentesse e gli studenti possono fruire delle importanti occasioni di crescita e di socializzazione che le attività di educazione motoria comportano (C.M. 17 luglio 1987, n. 216, prot. n. 1771/A) e) La circolare 06/06/1995 prot. N. 1702/A2 ha anche precisato che: ove il docente sia in presenza di alunni non valutabili sotto un profilo pratico-operativo, perché esonerati da alcune o da tutte le esercitazioni relative, esso potrà ben valutarli sul piano delle conoscenze teoriche acquisite.

Se l'esonero dovesse essere molto più lungo e prevedere una sospensione più lunga dalle lezioni è bene programmare delle attività di studio e attività di restituzione utili alla attività didattica della classe. Es. se stiamo affrontando un'Uda sulla pallavolo possiamo mettere a disposizione dell'alunno delle slide o delle fotocopie sulle regole della pallavolo e prevedere la sua spiegazione e partecipazione come arbitro alle lezioni. Potrebbe anche pensare alcuni esercizi e giochi da proporre alla classe.

E voi quali idee e proposte mettete in atto quando i vostri alunni si giustificano?

Scrivetelo nei commenti



Recent Posts

See All

Concorso straordinario 2023

Dopo tanti giorni di attesa è uscito il bando per il concorso straordinario 2023 per la scuola secondaria di primo e secono grado. Questo concorso è aperto a tutti i laureati di scienze motorie o dipl

Comments


bottom of page